La regale Stoccolma

costosa
un week end
fine novembre
salmone e polpettine, deliziosi!!
poco verde ma tanto mare

Aereo, bus, hotel

"So che non indossi gioielli, quindi ti ho regalato...un viaggio a Stoccolma!" Il mio lui sa che io a scarpe, vestiti, gioielli e trucchi preferisco biglietti aerei, hotels e gite fuori porta, cosi' e' cominciato il mio romantico week end nella capitale della Svezia!

Un aeroplanino Ryanair ci ha portato in due ore da Londra all'aeroporto di Skavsta. Non so oggi in che condizioni sia, ma nel novembre 2013 sembrava appena costruito: spoglio, piccolo, con a malapena il controllo passaporti! Ma almeno la fila e' stata veloce!
Per quanto riguarda il cambio di valuta, abbiamo prelevato qualche corona svedese al bancomat per le piccole spese e per il resto abbiamo pagato tutto con carta. Alla biglietteria c'era una svedese svedesissima (bionda,alta, magra, occhi color ghiaccio,algida! ), abbiamo preso 2 biglietti a/r x il centro citta' a 558 corone (che equivalgono a 60€)e il bus della compagnia Flygbussarna in 1 ora e 20 min (con wifi gratuito) ci ha portati al Cityterminalen.

La zona intorno alla stazione e' cio' che tutti si aspettano da una stazione: Mc Donald's, facce non raccomandabili, qualche vagabondo, qualche ubriaco.

Il comandante in aereo aveva detto che c'era + 1 grado ma in effetti sentivamo meno freddo rispetto a Londra con 5 gradi.

L'hotel che il mio lui aveva scelto e' il Rygerfjord hotel, costruito su una nave ancorata a Söder Mälarstrand: personale gentile, molto caratteristico, tutto in legno, una bella visuale dagli oblo', con le camere e i bagni molto molto piccoli, ma essendo un battello andava bene cosi'. La colazione non e' inclusa nel prezzo e costa 140 kc (10£) : un po' cara ma anche abbastanza varia e abbondante,alla fine.

Le foto su mostrano bene la bella visuale che si aveva dall'hotel :)

Gamla Stan

Con una breve passeggiata sul ponte Centralbron che attraversa la baia Riddarfjarden si arriva al centro citta', Gamla Stan.
Gamla Stan vuol dire citta' vecchia. Le sue case sono medievali, alte, dai colori caldi. Qualche albero di Natale non ancora addobbato e' piazzato qua e la, ma le vetrine dei negozi hanno gia' stelle e ghirlande e un gruppo di Babbi Natale sfila per la citta' suonando le trombe. Le stradine sono in salita e in discesa, il freddo e' pungente ma i colori degli edifici, riflettendosi nell'acqua, rendono l'atmosfera piu' calda.
Passeggiando arriviamo a Kungsträdgården, troviamo la pista di pattinaggio e qualche mercatino natalizio.

Municipio

Uscendo dal lato nord ovest di Gamla Stan e attraversando un altro ponte, costeggiamo la baia e arriviamo al Municipio. E' tutto in mattoncini rossi,ne sono ben 8 milioni! In cima alla torre ci sono le tre corone dello stemma nazionale (attenzione, si puo' salire sulla torre solo dal primo maggio e durante tutto il periodo estivo).
Ancora piu' sfortunati, quel giorno il municipio era chiuso al pubblico poiche' si stava celebrando un matrimonio, per cui abbiamo potuto visitarlo solo all'esterno.

Pero' ha una posizione strategica per fare delle belle foto alla baia di Stoccolma (nonostante nuvole e macchinetta digitale vecchia)!

Norrmalm

Erano piu' o meno le 14.30 e gia' faceva buio, andiamo verso il centro citta', Norrmalm
La via principale si chiama Drottninggatan, qui si trovano tutti i negozi di abbigliamento, bar, ristoranti, cinema, bancarelle e negozietti di souvenirs.
Avevamo un certo languorino ma non volevamo fermarci, quindi abbiamo optato per un hot dog in un chioschetto lungo questa strada. L'hot dog era davvero buono, ce ne siamo mangiati un paio! Il chioschetto si chiama Klaragrillen, abbiamo poi visto che ce ne sono altri sparsi per la citta'.
Sempre lungo questa strada c'e' Urban Coffee : il personale e' molto gentile, noi volevamo comprare una bottiglia d'acqua solo per usare il bagno, loro ci hanno offerto acqua gratis e fatto usare il bagno, in piu' c'erano dei muffins enormi, peccato che avevo mal di pancia :(

La cena

Ci prendiamo una birra all'Hard Rock, mi compro la maglietta da aggiungere alla mia collezione e poi prendiamo la metro per tornare a Gamla Stan, dove troviamo un ristorantino troppo carino in cui ci fermiamo per cena.
Abbiamo preso una porzione di salmone grigliato, una di polpettte svedesi e un piatto chiamato Pittypanna: patatine tagliate a cubetti con un uovo al tegamino ...ottimi!!!!!! L'ambiente era caldo e intimo,con la tovaglia rossa a quadretti, le candele, il personale gentile e disponibile che parlava sia in inglese che in italiano. Abbiamo speso 610 kc (48£) in due. Ristorante Kaffegillet, indirizzo trangsund 4.

Stortorget

Il giorno dopo dovevamo gia' ripartire, quindi abbiamo lasciato l'hotel per un ultimo giro nella citta' vecchia per vedere i mercatini natalizi. C'era un bel sole e la citta' era ancora piu' raggiante e regale.
Invece di fare colazione in hotel, ci siamo fermati al Cafe' Nova (indirizzo: Jarntorget 82, la prima piazzetta che si incontra una volta arrivati a Gamla Stan). Ha delle ottime torte fatte in casa, ma e' comunque abbastanza costoso.

Dopo esserci riscaldati e ristorati raggiungiamo Stortorget (la piazza principale di Gamla Stan) e ci godiamo l'atmosfera natalizia dei suoi mercatini.

Il Palazzo Reale

Sempre di fretta, facciamo una scappata fuori al Palazzo Reale. Peccato non aver avuto tempo, pensate che, con le sue 600 stanze e 5 musei, e' uno dei palazzi piu' grandi d'Europa!

Considerazioni

Il tempo a nostra disposizione era finito, facendo qualche scatto qua e la' siamo tornati in stazione per prendere l'autobus che ci avrebbe riportati in aeroporto.
Un week end non e' bastato per vederla per bene, bisogna tornarci:

  • con la bella stagione per avere piu' ore di luce;
  • almeno 4 giorni pieni;
  • con la macchina fotografica buona!
Condividi! b a c
© Copyright 2017, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies