Stratford-upon-Avon

economica
Marzo
una giornata
casette super fotografabili!

Ragazzi, finalmente sono andata a visitare Stratford-upon-Avon, la piccola cittadina famosa per aver dato i natali e conservare le spoglie di uno dei personaggi piu' famosi della storia inglese: William Shakespeare!

Dovete sapere che io odio stare da sola e quando mi ci metto so essere davvero molesta, quindi stavolta sono arrivata a rompere le scatole alle mie colleghe nel loro giorno off convincendole ad andare tutte insieme 😆

Come arrivare a Stratford-upon-Avon?

Stratford-upon-Avon si trova nella contea del Warwickshire, 163 km a nord ovest di Londra. E' una cittadina piccola piccola, basta qualche ora per visitarla, quindi e' perfetta per una gita fuori porta di una sola giornata (partendo molto presto pero', non come noi! 😅), o al massimo due.

Da Londra ci sono tre modi per raggiungerla: bus, treno e auto.
Nei giorni precedenti la partenza ho valutato tutte e tre le opzioni.

  • Il bus della National Express sarebbe costato 20£ a persona a/r e avrebbe impiegato 3 ore;
  • il treno della Chiltern Railways sarebbe costato 30£ a persona a/r e avrebbe impiegato due ore;
  • con l'auto avremmo impiegato tre ore, ma sarebbero bastati 10£ di benzina a testa per andata e ritorno e non avremmo avuto obblighi di orari.

La scelta e' ricaduta ovviamente sulla terza opzione!
In ogni caso le tre ore le abbiamo spese e anche superate, non tanto per la lontananza tra le due citta' quanto per il traffico incontrato a Londra 😕 Vivendo tutte a sud della capitale infatti, abbiamo dovuto per forza attraversare la citta' in direzione nord-ovest: una volta uscite da Hammersmith ed imboccata la M40, la strada era libera e in un'ora e mezza abbiamo raggiunto Stratford-upon-Avon.

Una volta raggiunta la citta' (che fatica! C'era traffico pure in entrata, probabilmente per via del mercato del sabato mattina) abbiamo parcheggiato l'auto al "Grove House car park". I prezzi ad oggi sono questi:

  • 1 ora: 90p
  • 2 ore: £1.50
  • 3 ore: £2.40
  • 4 ore: £3.40
  • 5 ore: £4.10
  • tutta la giornata: £6.00

Essendo arrivate ad ora di pranzo, abbiamo fatto il biglietto valido 5 ore in previsione di una ripartenza non troppo tarda.

Il parcheggio si trova proprio in centro citta', quindi appena lasciata l'auto ci siamo ritrovate avvolte dalla vivacita' e l'allegria che solo l'accoppiata mercatino+sole puo' regalare in UK 😆
E' bastato guardarci intorno un attimo per realizzare quanto Stratford-upon-Avon sia riuscita a mantenere l'aria antica grazie ai caratteristici edifici in stile Tudor 😍

Cercando un posto dove mangiare all'aperto siamo finite lungo il fiume Avon, brulicante di gente che si godeva la bella giornata. Nel fiume c'erano diversi cigni, attratti dalle persone che lanciavano loro molliche di pane.

Un gruppo di persone in abiti tradizionali stava ballando la Morris Dance, una danza popolare inglese accompagnata dal suono di fisarmoniche e campanelle. I ballerini sventolavano dei fazzoletti bianchi ballando e saltellando in cerchio 😄

Stratford Avon circular walk

Attraversando il fiume abbiamo incontrato il Cox's Yard, un pub-ristorante abbastanza rustico con terrazza affacciata sul fiume. Eravamo 4 leonesse affamate, c'erano dei tavoli liberi all'aperto e quindi non abbiamo potuto fare a meno di fermarci per una bella birra e fish&chips!

Dopo esserci rifocillate siamo passate al Tourist Information Centre che si trova proprio li' vicino per prendere una mappa ed informarci su cosa vedere a Stratford-upon-Avon. La mappa consigliava una bella passeggiata lungo il fiume, la "Stratford Avon circular walk", che porta fino alla chiesa dove e' sepolto Shakespeare per poi tornare in centro a vedere la casa dove il poeta e' nato e il cottage dove ha vissuto sua moglie, Anne Hathaway.

La Stratford Avon circular walk e' stata davvero piacevole, con quel sole, tutti quegli alberi in rinascita e i cani che correvano felici! Facendo le sceme ci siamo fatte scappare la cartina di mano che e' volata dritta dritta nel fiume! Tornare indietro al Tourist Information Centre ci avrebbe portato via troppo tempo, quindi abbiamo proseguito senza informazioni, cosi', a memoria 😅 Infatti ci abbiamo messo piu' tempo del previsto 😅

Holy Trinity Church

Dall'altra parte del fiume troviamo la Holy Trinity Church, la chiesa in cui venne battezzato William Shakespeare ed in cui e' sepolto.
L'edificio attuale risale al 1210.
Vicino l'ingresso c'e' la fonte battesimale, situata qui in quanto "porta spirituale" che conduce l'uomo alla Chiesa attraverso il battesimo. Guardando l'altare maggiore da questa prospettiva si notera' che e' leggermente deviato a sinistra: pare che questo rappresenti la testa inclinata di Cristo crocifisso.
Nella navata centrale ci sono 26 sedili di legno intagliato risalenti al 1400, alcuni dei quali raffigurano la vita in quegli anni.
William e sua moglie sono seppelliti nella zona del coro, insieme ad altri membri della loro famiglia. Per entrare nella zona dove c'e' la tomba del poeta si lascia una donazione. All'ingresso c'e' scritto "ingresso 3£", ma il gentile parroco che raccoglieva le donazioni ci ha detto di non badare a quella indicazione ...ora non so se intendesse qualcosa tipo "sganciate di piu'" o meno, fatto sta che io ho dato comunque 3£ e lui mi ha ringraziato dicendomi di essere molto generosa 😆. Vabbe' insomma. Sul muro a sinistra c'e' un busto di Shakespeare risalente al 1623, commissionato dalla moglie e dagli amici. Qui si trovano anche le copie del registro battesimale e del certificato di morte.

The Royal Shakespeare Theatre

Uscendo dalla Holy Trinity Church, proseguendo lungo il fiume verso il centro cittadino troviamo il Royal Shakespeare Theatre, un teatro da piu' di 1000 posti a sedere e sede dell'omonima compagnia teatrale. Questo teatro, aperto nel 1932, e' stata la prima opera importante in Gran Bretagna ad essere stata costruita dal progetto di un architetto donna, Elisabeth Scott, ed e' un Grade II listed building (vi avevo spiegato cosa vuol dire nell'articolo su Bath, in particolare parlando della sua Abbazia).

Sheep Street

Superando il teatro sulla sinistra c'e' Sheep Street, una strada piena di edifici in stile Tudor...non potrete non notarla! Ci sono boutiques, negozi, ristoranti e caffetterie, tutti nati rispettando e lasciando immutata la bellezza degli edifici che li contengono. E' vero, i negozi delle catene internazionali ci sono, ma sono quasi adombrati dai ghirigori degli edifici!
In Sheep Street c'e' anche un museo privato interamente dedicato all'epoca in cui e' vissuto Shakespeare, il Tudor World. Sarebbe stato carino entrare, ma avevamo pochissimo tempo!

High Street

Alla fine di Sheep Street girando a destra ci si immette nella High Street, anche questa piena di negozi moderni accolti dagli edifici del 1500.

Ma torniamo un attimo a scuola: quali sono le caratteristiche dello stile Tudor?

  • Le case Tudor hanno i tetti spioventi coperti di tegole d'argilla o pietra, spesso anche in paglia (e sono ancora piu' belli!);
  • per lasciare piu' spazio alle strade, i piani superiori venivano costruiti piu' ampi rispetto ai piani terra, rendendoli cosi' anche sporgenti;
  • le finestre sono alte, strette e con le strutture in legno. Il vetro e' stato usato per la prima volta nelle case proprio durante i tempi dei Tudor; creare grossi pezzi di vetro pero' era costoso e difficile, proprio per questo le finestre avevano piccoli pezzetti di vetro tenuti insieme con il piombo in uno schema a rete. Le persone che non potevano permettersi il vetro usavano dei panni oppure la carta.
  • le travi in legno che vediamo anche all'esterno sono irregolari perche' venivano tagliate a mano.

Alcune case oggi provano a copiare lo stile Tudur, ma sono facilmente distinguibili dalle originali proprio dalla differenza delle travi: guardandole attentamente si capisce quali sono tagliate a mano e quali a macchina.

Vi e' piaciuto questo ripassino? 😊

Henley Street

Alla fine della High Street c'e' una rotonda: prendendo la seconda traversa a sinistra ci si immette in Henley Street, una strada pedonale piena di gente e turisti perche' sede di vari negozietti e della casa natale di Shakespeare!
Non siamo riuscite ad entrare per 10 minuti, la casa infatti in questo periodo chiude alle 17. Se avessimo lasciato la passeggiata intorno al fiume per ultima saremmo riuscite ad entrare, mannaggia! 😔

Poco piu' avanti della casa natale di Shakespeare c'e' il Peter Rabbit store, un negozio completamente dedicato al famoso Peter Rabbit, coniglietto creato nel 1902 dalla fantasia di Beatrix Potter. Peter Rabbit e' stato presente in diversi libri di fiabe per bambini e il negozio vende pelouches, servizi da tea, giocattoli, libri, abbigliamento per bambini, oggetti per la cucina...tutto a tema Peter Rabbit 😍

Di fronte la casa natale di Shakespeare c'e' il Nutcracker Christmas shop, un negozio di natale aperto tutto l'anno!

E siccome coniglietti e Santa Claus non bastavano, nel vicoletto dietro il Nutcraker c'e' anche il Curtis Brae Teddy Bear Shop, un negozio di orsacchiotti per collezionisti e per bambini.

Havilands tea room

Poco prima di rimetterci in viaggio verso Londra ci siamo concesse una pausa in una piccola sala da tea in Meer Street, la Havilands tea room.
Il locale e' carino ed accogliente, il barista anche.
Ma fatemi togliere un sassolino dalla scarpa...
Se avete intenzione di lasciare la mancia al ragazzo che vi ha servito e fatto il caffe', assicuratevi di darli direttamente a lui. A noi e' successo che il proprietario del negozio li ha infilati nella cassa facendo finta di niente 😠

Ricapitolando, ci siamo impigliate con i tempi. Siamo partite da Londra tardi, abbiamo trovato traffico e abbiamo perso tempo a goderci il sole sul fiume. Logicamente siamo state punite non potendo entrare nella casa natale di William e non riuscendo nemmeno a visitare il cottage di sua moglie, Anne Hathaway.
Ho fatto la figura della principiante insomma 😆
Ma tornero', entrero', scattero' e raccontero'! Promesso! 😄

Condividi! b a c
© Copyright 2017, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies