Ginger Cambridge

economica
una giornata
ottobre
tanta natura rigogliosa e curata
colleges antichi

Una rossa con le lentiggini

Quello che mi fa arrabbiare dei paesi e delle citta' inglesi che ho visto finora e' che sono tutte delle copie in piccolo di Londra.
Non hanno delle proprie personalita', vivono all'ombra della grande metropoli, invase dalle catene di negozi tutti uguali .
Invece Cambridge mi ha piacevolmente stupita: sono partita senza grandi aspettative e sono tornata a casa a bocca aperta!
Cambridge e' una ragazza rossa, piena di lentiggini e con una sciarpa di lana arancione. Ha i libri sotto braccio e passeggia pensierosa su una distesa di foglie gialle.

Bus e colazione

Questa splendida cittadina si trova a nord est di Londra, a circa 45 minuti dall'aeroporto di Stansted.
Da Victoria Station, dopo un paio d'ore il bus National Express pagato 14£ a/r ci ha portati appena fuori il centro storico di Cambridge, *Parkside.
Sosta immediata per la colazione: in Emmanuel Street troviamo Savino's, un bar tipicamente italiano, roba difficilmente reperibile in Uk. Avete presente il bar con pochissimi tavolini, un bel bancone grande, macchina del caffe' che macina Illy, succhi Yoga e cornetti appena usciti dal forno sul retro? Ecco, quello!
Ci rifocilliamo e appena girato l'angolo comincia il centro storico, opportunamente chiuso al traffico.

Christ's College

La prima cosa che attira la nostra attenzione e' un varco sulla nostra sinistra, che lascia intravedere una ventina di zucche intagliate per Halloween (e' il 31 ottobre!), circondanti un giardinetto rotondo. E' l'ingresso del Christ's College, il college che ha istruito un giovanissimo Charles Darwin prima del suo viaggio di scoperta intorno al mondo!

Questo college, come anche tutti gli altri, e' esclusivo: si possono visitare solo i giardini.
Il bar, la piscina, la biblioteca, gli appartamenti sono riservati agli studenti del college stesso.

Il mercato e il King's College

Usciamo dal college, percorriamo Market Street e veniamo accolti dai profumi e i colori delle bancarelle del mercato del sabato mattina.
Pane fresco, cappotti colorati, dolci, decorazioni per la casa, zucche e tappeti variopinti.
Nel frattempo un bellissimo sole spazza via tutte le nuvole mattutine, ci accompagnera' poi per il resto della giornata.

Dietro l'angolo si erge imponente il King's College: maestoso, antico, con la sua architettura gotica e di un bianco abbagliante! Risale al 1441, sapete che ci sono voluti piu' di 100 anni per costruirlo? Infatti ha visto regnare 5 Re d'Inghilterra, tra cui gli Enrico VI, VII e VIII !

Fudge Kitchen

Camminando lungo la King's Parade, un dolce profumo ci attrae verso l'ingresso di un negozio stracolmo di gente.
Senza nemmeno leggere l'insegna ci intrufoliamo tra i curiosi e troviamo un ragazzo in grembiule che con una spatola modella un enorme strato di impasto zuccheroso su un tavolo di marmo: sta facendo il fudge!

Ci ho messo anni a capire cosa sia il fudge, ancora adesso faccio fatica a spiegarlo per bene: e' un dolce fatto di zucchero, latte e burro, cotto in pentola a 160°C e poi modellato su un piano di marmo fino al raffreddamento. Puo' somigliare al mou/toffee, per intenderci.

Ebbene in quel momento il pasticciere stava terminando la sua opera d'arte, abbiamo visto questo impasto da semi liquido diventare man mano sempre piu' solido, solo raffreddandosi. Una volta tagliate delle fette, ci ha fatto assaggiare dei pezzettini: morbidi, ancora tiedipi, dolcissimi!!!! Super golosi!!!

Usciamo fuori e leggiamo il nome di questo posto magico: Fudge Kitchen, link sulla vostra sinistra :)

King's Parade

Lungo King's Parade c'e' una bella fila di turisti in coda per entrare nel King's College, e un artista di strada intento a suonare la chitarra in un...cestino della spazzatura!
Ma basta entrare in uno dei vicoletti per ritrovare la pace e il silenzio che contraddistinguono Cambridge.
St.Benet's Parish Church , piccola ed essenziale,e' la chiesa piu' antica della citta', risalente al 1025!
Decine e decine di biciclette sono appoggiate alle ringhiere e da ogni finestra aperta si vede uno studente impegnato su un libro :)

Mathematical Bridge e Punts

Ci dirigiamo verso il fiume Cam e, alla fine di Silver Street, incontriamo il carinissimo Mathematical Bridge, un ponte pedonale di legno che collega due parti del Queen's College . Parallelamente al Mathematical Bridge c'e' un "punting point": un angolino di attracco e partenza dei punts, barchini condotti a pertiche dagli chauffeurs oppure affittabili privatamente. E' divertente vedere ragazzi vacillanti in piedi a poppa che cercano contemporaneamente di spingere il barchino e non cadere in acqua!

Facciamo una passeggiata lungo il fiume meravigliandoci dei colori, poi torniamo dentro, lungo la King's Parade, per riuscire nuovamente sul fiume alle spalle del King's College: questo perche' non esiste un sentiero pubblico che costeggia il fiume all'esterno.

Il bodyguard delle papere

Presto ci rendiamo conto del motivo per cui le aree verdi sono cosi' ben curate: appena una di noi mette piede sull'erba, sbuca fuori dal nulla un omino vestito di tutto punto e con la bombetta in testa, che la invita gentilmente a togliere i sudici piedi dal regale prato :D Ma il bodyguard delle papere e' cosi' gentile che non ce la prendiamo nemmeno :D

Un salto in un disegno

Eravamo diretti al Trinity College e al ponte dei sospiri ma un paesaggio meraviglioso ci ha bloccati rubandoci tanto, troppo tempo: sembravamo entrati in un disegno! Avete presente quella scena di Mary Poppins in cui lei, Bert e i bambini fanno un salto ed entrano del quadro? Ecco, uguale!

Credete nella reincarnazione? Io no, ma e' qualcosa che mi affascina.
Se fosse vero, Vincent Van Gogh avrebbe lasciato i Paesi Bassi per una nuova vita a Cambridge, passando il tempo conducendo barchine.
D'altronde, gli piacciono ancora i colori :)

Insomma ci mettiamo li' a fotografare e a giocare con le foglie e il tempo scorre, scorre, e il sole cala.
Entriamo in un coffee shop per un tea caldo, e all'uscita era gia' tutto buio.
E tutto chiuso! Ebbene si, a Cambridge chiude tutto verso le 17.30-18.00.
Avevamo perso il Ponte dei Sospiri e il Trinity College.
Il nostro autobus sarebbe partito alle 21, dovevamo perdere tre ore. Ci mettiamo a girare ogni vicolo possibile e immaginabile, ma che vuoi fare, Cambridge e' piccola piccola, alla fine ti ritrovi sempre allo stesso punto. Decidiamo di anticipare la cena per perdere tempo, era l'unica cosa possibile.

Beh, magari ci torno in primavera, con piu' ore di sole e gli alberi in fiore: la prossima volta Trinity e Sighs non mi sfuggiranno!

Condividi! b a c

Pro

  • colori meravigliosi
  • centro chiuso al traffico
  • tranquilla
  • ospitale
  • giovane

Contro

  • alle 18 chiude tutto
© Copyright 2017, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies