On the Road in Cornovaglia

4 giorni
fine marzo
costosina, ma abbiamo diviso le spese in 4!
ottimi il pesce, le pasties e il cream tea!
splendidi villaggi sulla costa
Madre Natura qui non scherza!

Vivo in Inghilterra da 5 anni, e almeno da 4 avevo il pallino della Cornovaglia!
Pero' non riuscivo mai a capire quando andarci: non volevo prendere dei giorni di ferie "solo" per la Cornovaglia, volevo andarci d'estate con la speranza di poter fare un bagno, ma d'estate che fai, vai in Cornovaglia? Col cavolo! E poi come ci vai? L'aereo costa troppo, il treno pure, il viaggio e' lungo e a sinistra non sappiamo guidare... insomma scuse, scuse scuse 😅

Poi succede che andiamo in Australia ed impariamo a guidare a sinistra, arriva la Pasqua 2016 in cui i biglietti aerei per andare in Italia sono spaventosamente cari, una coppia di amici non sa come trascorrerla e che facciamo? Cornovaglia!!

L' auto e l'on the road

Innanzitutto prenoto un'auto con Budget: una Hyundai I20, ritiro a Euston Station, ci costa 153£ per 4 giorni. Come al solito, una delle condizioni e' che ce la danno con il pieno e dobbiamo restituirla con il pieno.

Poi comincio a studiarmi una sorta di itinerario, toccando i punti piu' belli e lasciandomi la liberta' di scegliere all'ultimo momento di cambiare rotta oppure di visitare un villaggio piuttosto che un altro: l'auto per fortuna ci concede questa possibilita'!

Il viaggio da Londra alla Cornovaglia e' lungo: innanzitutto ci vuole parecchio tempo soltanto per uscire dalla metropoli, poi le strade sono abbastanza trafficate (stiamo sempre parlando del week end lungo di Paqua!). Facciamo diverse soste (ah!! non vi azzardate a chiedere un espresso negli autogrill! Fa SCHIFO!), poi per fortuna il navigatore che abbiamo sul cellulare ci avvisa dei tratti congestionati e ci fa prendere altre strade per evitare di rimanere bloccati nel traffico.

Calcolate che, partendo alle 9 da Euston Station, con due soste in autogrill + un'oretta e mezza a Castle Combe per pranzo + una mezz'ora a Tintagel, siamo arrivati in albergo alle 19.30.

Comunque il nostro itinerario e' stato questo:
GIORNO 1: Castle Combe, Tintagel, Wadebridge (pernottamento)
GIORNO 2: Clovelly, Port Isaac, Newquay, Penzance (pernottamento)
GIORNO 3: Porthcurno/Minack Theatre, Marazion/St.Michael Mount, St. Ives, Falmouth (pernottamento)
GIORNO 4: Polperro e ritorno a Londra

I pernottamenti

Gli hotel, gli Inn e i b&b in Cornovaglia non sono economici, soprattutto nel periodo di Pasqua: non voglio immaginare cosa succede in estate!
Pero' per fortuna eravamo in 4, quindi ce la siamo cavati alla grande!

Ho notato che un'alta percentuale di alloggi qui sono ricavati dai quei cottages talmente grandi che i proprietari, giustamente, decidono di ricavarci un b&b e guadagnarci qualcosa. Quando entri sei proprio a casa del proprietario di turno: posi l'auto nel suo parcheggio, e' lui che ti cucina la colazione e te la serve nel suo soggiorno, le scale scricchiolano, i pavimenti pure, le stanze sono abbellite secondo i gusti personali; il tutto senza nulla togliere alla pulizia e la cortesia che trovi nei classici alberghi.
Potrebbe non piacere a chi e' abituato ai grandi hotels, io personalmente l'ho trovato molto carino e caratteristico!

1. Molesworth Arms Hotel

La prima notte abbiamo dormito in un Inn, il Molesworth Arms Hotel a Wadebridge.
Centralissimo e popolato all'inverosimile, abbiamo faticato a trovare un tavolo per cenare (pero' l'hamburger era davvero squisito!).
Sul sito c'era scritto che il parcheggio e' privato e disponibile in loco gratuitamente senza prenotazione. Tutto vero, peccato che il parcheggio era talmente grande che ci entravano ben 2 AUTO.😓 Quinci ci siamo dovuti cercare un altro posto per parcheggiare.
Un'altra cosa che mi ha infastidito e' che la nostra stanza era proprio sopra lo stage, e quella sera c'era un duo che cantava, il pub era pieeeeno di gente!!! Mo non e' che voglio fare l'anziana, ma eravamo svegli dalle 7 di mattina e avevamo fatto un lungo viaggio in auto. Eravamo davvero stanchi! Non solo io eh, tutti e 4 😅 Insomma non siamo riusciti ad addormentarci finche' la gente che stava sotto il nostro balcone non ha deciso che la serata era terminata e se ne sono andati via 😐
Per il resto non posso lamentarmi: la stanza era grande, ben arredata e pulita. La mattina dopo, senza tutta quella gente, sembrava tutto un'altro posto! Ci hanno servito l'English breakfast e parecchio pane, burro e marmellata, oltre a tea, caffe', succhi di frutta. Con calma ho notato anche l'arredamento caldo e rustico.

Comunque abbiamo pagato 120£ una camera familiare con colazione inclusa.

(scusate la pessima qualita' delle foto, prima o poi dovro' comprare un cellulare nuovo).

2. Boutique Hideaway

La seconda notte abbiamo dormito nel posto piu' bello di sempre: la Boutique Hideaway a Penzance 😍.
Anche qui 120£ per una camera familiare, ma vuoi mettere la differenza?!
Innanzitutto la location: nascosta su una collinetta distante 7 minuti dal centro del paese, circondata da un bel giardino in cui poter pranzare durante le belle giornate, l'unico rumore che si sentiva era il cinguettio degli uccellini.
Il cottage dispone solo di 5 stanze, ma enormi e magnificamente arredate. La nostra era in stile Shabby Chic: la carta da parati aveva farfalle, rose e Tour Effeil; l'armadio, il divano e il letto erano vintage; le coperte e le decine di cuscini tra il lilla, il rosa cipria e il grigio perla; avevamo addirittura un mezzo busto di ballerina in un angolo! Sul letto c'erano gli asciugamani, le ciabattine da doccia e una bottiglia con due bicchieri. Oltre al bagno, avevamo a disposizione un salotto e una piccola cucina, entrambe di arredamento moderno. E questa era solo la nostra stanza!! 😍
La colazione ci e' stata servita in una bella stanza dotata di grandi finestre che affacciavano sul giardino da una parte, sull'atrio del cottage dall'altra. Cassius, il proprietario, era nell'enorme cucina rustica affianco, con il grembiulino che cucinava e faceva avanti e indietro per assicurarsi che avessimo tutto. E' stato molto carino! Ad un centro punto dalla cucina sono uscite due scatole piene di coniglietti e pulcini di cioccolata: Happy Easter!!! 😊

Ragazzi, le foto parlano da se'. Lo consiglierei 1000 volte a tutti, specialmente per una fuga romantica ❤

3. Eden Lodge

La terza notte l'abbiamo trascorsa a Falmouth, presso l'Eden Lodge.
Non ho foto di questo b&b; quel giorno ero arrabbiata e stanca: eravamo zuppi perche' avevamo preso tanta pioggia, il parcheggio privato era pieno (anche qui, ci entravano giusto 4 auto), lo scarico della doccia era tappato, il phon non c'era, il wifi non funzionava e la colazione consisteva in un cestino in camera contenente due succhi di frutta, due merendine confezionate e due scatoline di uvetta secca.
Sono andata a dormire pensando che gli avrei scritto una pessima review, invece il giorno dopo mi sono svegliata riposata e con il sole e ho visto che, a parte la deludente colazione, alla fine non era poi malaccio. Almeno e' pulito, ben arredato.
60£ a camera qui, alla fine lo stesso prezzo degli altri due.

Dove abbiamo mangiato

In Cornovaglia si mangia bene, molto meglio che a Londra!
Seppure i piatti sono gli stessi, la differenza e' che in Cornovaglia ad esempio il pesce e' freschissimo (pescato e cucinato in giornata), le pasties sanno veramente di carne e patate (non hanno spezie che ne coprono i sapori), la panatura del fish&chips e' talmente leggera e asciutta che quasi non sembra fritta, le patate sono fresche e tagliate a mano. Sono stata veramente contenta!

Vi consiglio questi posti:

  1. Fresh From The Sea, si trova a Port Isaac.
    E' un "fish shop" local, molto caratteristico. I proprietari si chiamano Calum e Tracey e vivono li' vicino; Calum ha una barca che si chiama Mary D., va a pesca tutti i giorni per portare granchi e aragoste a Tracey, che poi li cucina al momento.
    Il localino e' minuscolo e molto bello! Ci sono giusto due tavolini all'interno e un altro paio fuori. Teoricamente non c'era posto per mangiare, ma ci hanno molto gentilmente fatto sedere ad uno dei tavolini interni che era prenotato per qualcuno che sarebbe arrivato dopo. Io e la mia amica abbiamo mangiato una zuppa di granchio, leggera e saporitissima! I due maschietti hanno preso dei sandwich di aragosta e hanno detto che erano squisiti 😊

  1. Philps Pasties a Marazion.
    Volevamo una bella pasty da mangiare sulla spiaggia di fronte al St.Michael Mount: questo negozietto non aveva nemmeno l'insegna fuori, era un forno piu' che un negozio. Un frigo con le bibite, la cassa e teglie e teglie di pasties appena sfornate: mi ha ricordato la mia infanzia, mi sono fidata subito!
    La pasty infatti era buonissima! La pasta frolla era fresca, la carne sapeva di carne e le patate sapevano di patate! E no, non ridete: le pasties di Londra sono cosi' piene di spezie (forse per coprire la scarsa qualita' degli ingredienti?) che sono quasi immangiabili!
    Quindi un bel pollice in su per Philps Pasties!

  2. Madeleine's Tea Shop a St.Ives.
    Sapevamo che il Cream Tea e' caratteristico di questi posti, abbiamo trovato poi questa sala da tea troppo carina (ok, e' una cosa un po' da femminucce 😆) e ci siamo fiondati!
    In effetti c'erano tante torte di bell'aspetto e siamo state tentate fino all'ultimo...ma noi eravamo li' per un'altra cosa!!
    Il Cream Tea e' composto da tea e scones: delle specie di brioches vuote o farcite di uvetta, servite con confettura e panna cremosa, oppure miele e crema di limone.
    La sala era piccola e tutta di legno, con i fiori sui tavoli e i quadri appesi ai muri, sugli scaffali c'erano teiere, tazze e piattini decorati.
    L'atmosfera era dolce, calda e rilassante 😍

  1. The Blue Peter Inn a Polperro.
    Mi sento male a chiamarlo pub, perche' non ha niente a che vedere con i classici pubs, ma in fondo lo e'. Cos'ha di particolare? E' un vero e proprio pub old style! Caratteristico, caldo, accogliente, birre locali, dog-friendly. Aggiungici pero' che sta sul porto, quindi cucinano un pesce squisito!
    Abbiamo preso un Fish Platter da dividere, composto da leggerissimi anellini di calamari fritti, gamberi, capesante e il pescato del giorno. Non so di che pesce si trattava, ma era talmente buono che poi ho preso un piatto di Catch of the day (pescato del giorno) al forno con patate e spinaci solo per me! DELIZIOSO!! Gli altri ragazzi hanno preso fish&chips e zuppa di pesce, anche molto buoni!

Spese totali

Facendo due calcoli, abbiamo speso in tutto 600£:

153£ per l'auto
120£ Molesworth Arms Hotel
120£ Boutique Hideaway
120£ Eden Lodge
87£ di benzina

Dividendo il totale in quattro viaggiatori, 150£ a testa.
Poi ho speso un'80ina di £ tra i vari pranzi, cene, souvenirs e parcheggi.
Non male, dai! 😊

Foto dal mio profilo Instagram

Una foto pubblicata da Flavia Iarlori (@in_giro_con_fluppa)

Una foto pubblicata da Flavia Iarlori (@in_giro_con_fluppa)

Una foto pubblicata da Flavia Iarlori (@in_giro_con_fluppa)

Condividi! b a c

Pro

  • la cucina
  • i villaggi
  • il silenzio
  • l'oceano

Contro

  • e' lontanuccia
  • il meteo incostante
  • chiude tutto alle 17
© Copyright 2017, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies