Stockbridge e Dean Village, quartieri insoliti di Edimburgo

Ottobre 2020
Un weekend
Nella media UK
Grandangolo
mappa con la destinazione
  1. Scozia
  2. Edimburgo
  3. Stockbridge e Dean Village, quartieri insoliti di Edimburgo

Edimburgo mi ha sorpresa: pur conoscendo la sua posizione geografica, non mi aspettavo che dal centro città si potesse vedere il mare, non mi aspettavo la veduta di quelle bellissime falesie verdi e delle isole.

E non mi aspettavo che anche i dintorni di Edimburgo fossero degni di nota, come questi due quartieri che ho scoperto facendo una breve passeggiata a partire dalla città nuova: Stockbridge e Dean Village.

Stockbridge

Come avevo già accennato nel mio articolo Edimburgo: cosa vedere in 2 giorni , la New Town della capitale scozzese venne progettata come nuovo sobborgo residenziale per gli abitanti più ricchi che volevano lasciare la sovraffollata e maleodorante Old Town.
Questa espansione continuò verso nord fino a comprendere i piccoli villaggi situati lungo il fiume, tra cui Stockbridge e Dean Village. Stockbridge, quindi, era originariamente un piccolo villaggio periferico, successivamente incorporato nella città di Edimburgo nel 19° secolo.

Oggi Stockbridge è una zona vivace, molto vicina il centro di Edimburgo ma con un'atmosfera da piccolo villaggio adagiato lungo il fiume.
Passeggiando tra le sue stradine si nota chiaramente che è una zona benestante, ma non snob: la maggior parte delle case sono di architettura georgiana, belle ed eleganti e pare sia abitata da attori, poeti, musicisti e artisti che le donano un'aria bohémien.
A Stockbridge si può trovare il macellaio, il pescivendolo, il negozio di formaggi, la sala da té, la boutique vintage e il charity shop. Ci sono tante piccole attività indipendenti e locali, scordatevi i grossi centri commerciali (per quelli dovete andare su Princes Street nella New Town). Inoltre, ogni domenica dalle 10 alle 17 si svolge il Sunday Market.

Curiosità:
L'originale Mrs Doubtfire o "Madame Doubtfire" viveva e gestiva un negozietto a Stockbridge. È stata lei ad aver ispirato il romanzo di Anne Fine, che ha vissuto anche nella zona, e che è stato a sua volta l'ispirazione per il film con Robin Williams.

Zone degne di nota a Stockbridge:

  • Circus Lane, un pittoresco vicolo di mews (case costruite in ex scuderie), che integra edifici vecchi e nuovi. Uno dei vicoli preferiti di fotografi e Instagrammers, fatto di pietre e fiori, con il campanile della chiesa che spunta da dietro i tetti delle case. Nella seconda metà del 1760,Circus Lane non era altro che il vicolo dove si trovavano le scuderie delle persone ricche che vivevano nelle eleganti case georgiane di Royal Circus.
  • Glenogle Road è una strada che corre parallela al Water of Leith; tra questa strada e il fiume ci sono le Stockbridge Colonies, 11 stradine parallele con villette a schiera costruite tra il 1861 e il 1911 con lo scopo di formire case a basso prezzo per le classi artigiane. Oggi le Colonies sono invece desiderate (e quindi costose!) per la loro posizione abbastanza vicina alla città ma contemporaneamente immerse in un'oasi di pace vicina al fiume e ai Giardini Botanici.

Come arrivare a Stockbridge
Arrivare a Stockbridge dal centro di Edimburgo è molto semplice: basta infatti camminare verso nord una decina di minuti, attraversando i Queen Street Gardens. Potete prendere Frederick Street e in pochi minuti vi troverete al Royal Circus, oppure camminare lungo Gloucester Lane fino ad arrivare al ponte che attraversa il fiume Water of Leight.

Dean VIllage

Da Stockbridge, seguendo il Water of Leight verso sud, si arriva in circa 15 minuti di cammino al Dean Village, un altra zona molto pittoresca e particolarmente amata dai fotografi per la sua atmosfera d'altri tempi.

Nato come "The Water of Leith Village", un tempo era un vivace villaggio industriale dotato di undici mulini idroelettrici per la produzione di carta, tessuti e farina.

Il gruppo di edifici in mattoni rossi che si affaccia sul fiume si chiama Well Court, costruito nel 1880 dall'allora proprietario del quotidiano The Scotsman Sir John Findlay. A Findlay non piaceva la visione dei caseggiati fatiscenti su cui affacciava casa sua, quindi li demolì per costruire Well Court, che inizialmente forniva alloggi alle famiglie della classe lavoratrice.
Oggi sono appartamenti privati di quattro e cinque piani raccolti intorno ad un cortile comune. Alcuni di questi appartamenti sono presenti su booking.com, ve ne parlo nel prossimo paragrafo!

Come arrivare al Dean Village
Partendo dalla fine di Princes Street, lasciandovi la chiesa di St. Cuthbert alla vostra sinistra, prendete Queensferry Street; poco prima di arrivare sul Dean Bridge troverete sulla vostra sinistra Bells Brae, una stradina in discesa che vi portera nel centro del villaggio. In totale, dalla fine di Princes Street, sono giusto 10 minuti a piedi.

A Dean Village non ci sono punti ristoro né bagni, quindi fate in modo di non arrivarci proprio ad ora di pranzo!

Dove dormire a Dean Village

Se volete concedervi uno sfizio e dormire in uno di questi appartamenti nel cuore del Dean Village, ho trovato alcune proprietà in lista su Booking.

Attenzione, io non ho dormito in alcuno di questi appartamenti (ero nella città nuova) ma questi che ho selezionato hanno ottime recensioni e farebbero parte delle mie scelte se dovessi tornare a Edimburgo.

  • Iconic Dean Village Apartment, punteggio totale 9.5
    Se volete sognare un po' e avete un budget sostanzioso, oppure se siete in gruppo da 4-6 persone, potreste considerare questo appartamento moderno e di design nascosto nel contesto del 1800 di Well Court.

  • Historic Dean Village Treasure, punteggio totale 9,2
    Anche questo appartamento si trova nel Well Court ma molto è più piccolo: una sola camera da letto e tipico arredamento inglese, piu' economico rispetto al primo ma buono comunque per soggiornare nel villaggio senza spendere una fortuna.

  • The Dean Path Residence, punteggio totale 8.8
    Una via di mezzo tra i due, sia a livello di prezzi che di arredamento interno e di spazi. Molto carino e dall'atmosfera accogliente, si trova in un edificio proprio di fronte il Well Court, sullo stesso lato del fiume.

Se avete visto tutta la città vecchia, e anche quella nuova, di Edimburgo e avete ancora del tempo libero, vi consiglio assolutamente questi due quartieri, magari con una sosta anche ai Giardini Botanici!
Mi raccomando, controllate che la batteria della macchina fotografica sia bella carica prima di venire qui, vi assicuro che di scatti ne farete a bizzeffe! 😉

Questi sono gli altri articoli su Edimburgo:

firma di Flavia Iarlori
Condividi! b a

Nota:
In giro con Fluppa partecipa a programmi di affiliazione. Ciò vuol dire che, se deciderai di prenotare un tour/alloggio del sito partner tramite il mio link, a me verrà riconosciuta una percentuale sulla vendita. In questo modo mi aiuterai a sostenere e mandare avanti il mio blog, senza alcuna spesa aggiuntiva per te.

In giro con Fluppa non si ritiene direttamente responsabile per eventuali acquisti eseguiti senza leggere le condizioni d’uso del provider di eventuali biglietti e/o prenotazioni online.

© Copyright 2020, Tutti i diritti riservati. Cookies + Privacy Policy

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies