Cosa vedere a Rye in un giorno

Settembre 2019
Una giornata
Da provare il pesce
Riserva naturale

Rye, una delle cittadine medievali meglio conservate di tutta l'Inghilterra, e' stata in cima alla mia lista dei desideri per mesi e mesi, quando finalmente ho deciso di andare a visitarla!
Ne ho approfittato di una partita di calcio di Massimo per passare una bella giornata da sola, con la mia macchina fotografica e il villaggio di Rye tutto per me, rispettando i miei tempi e assecondando i miei desideri.

In questo articolo vi racconto cosa vedere a Rye in un giorno: eh si, e' cosi' piccina che basta davvero una sola giornata per arrivarci, visitarla e tornare a Londra!

Il fascino di Rye e' dovuto in gran parte al passato rocambolesco che l'ha contraddistinta, essendo stata teatro di anni di attivita' criminali ad opera di una famosa banda di contrabbandieri.

Parecchi artisti si sono lasciati ispirare da Rye per le loro opere ed alcuni hanno anche vissuto qui, come Tom Baker, attore britannico meglio conosciuto per aver ricoperto il ruolo del Dottore nella famosissima serie televisiva Doctor Who, e Sir Paul McCartney, che non ha bisogno di presentazioni.

Cosa vedere a Rye

Abbiamo detto che Rye e' piccola, come vedrete dalla mappa ci vuole meno di mezz'ora per girarla a piedi, ma le cose da vedere sono diverse e talmente belle che tra fotografie, monumenti, pranzo e visita alla riserva naturale, io ci sono rimasta 7 ore!

Cominciamo la passeggiata.
Una volta uscita dalla stazione proseguo dritto e all'incrocio giro a sinistra entrando in Cinque Ports Street.
A Rye si trovano diversi riferimenti ai "Cinque Ports" ed il motivo e' semplice: una volta era circondata su tre lati dal mare e, per difendersi dai frequenti attacchi dei francesi, entro' a far parte della Confederazione dei Cinque Porti: Sandwich, Romney, Dover, Hythe, e Hastings piu' i due antichi villaggi di Rye & Winchelsea.

Landgate

Seguendo Cinque Ports street incontro il Rye Waterworks micropub, un micropub appunto, situato in un edificio storico che era un tempo la stazione di pompaggio idrico, poi una mensa risalente al 1890 e oggi un micropub a conduzione familiare.
Proseguendo, a destra trovo il Landgate. Come gia' accennato, un tempo Rye era circondata d'acqua su tre lati, e Landgate era l'unica porta in pietra che collegava il villaggio alla terraferma quando c'era l'alta marea.
La attraverso, la strada si fa a ciottoloni (a proposito, consiglio spassionato: non indossate assolutamente i tacchi ma scarpe basse e ben comode!), proseguo lungo Hilder's cliff con i suoi negozietti indipendenti di artigianato, piccoli cafe' e mercatini vintage. Giro a sinistra in East Street e poi ancora a sinistra in Pump Street, dove si cominciano a vedere casette in mattoni rossi affiancate da quelle a graticcio bianche e nere. Sulla destra c'e' la St.Mary Church, ma la visitero' dopo.

Rye Castle Museum

Pump Street finisce al Rye Castle Museum: costruito nel 1249, negli anni e' stato un Castello, un'abitazione privata, una prigione per 400 anni ed oggi un museo. Quando nel 1377 Rye venne bruciata dai francesi, la torre era uno dei pochissimi edifici rimasti intatti.

L'ingresso costa solo £4 ed il museo e' composto da tre ambienti:

  • Ypres Tower: questa torre e' chiamata Ypres a memoria del suo primo proprietario, Jean d'Ypres, un mercante di tessuti. Al piano terra troviamo la replica del patibolo con lo scheletro di un omicida e la sua storia, la cella di massima sicurezza e una stanza con lavori ad uncinetto ed erbe medicinali.
    Al piano sotterraneo c'e' una cappella e repliche di armi e armature.
    Al primo piano ci sono uniformi militari, altre armi e una terrazza con vista sul fiume Rother.

  • Giardino medievale tra la Ypres Tower e la Women's tower, un tempo usato come cortile per gli esercizi fisici dei prigionieri, oggi coltivato con piante ed erbe che venivano usate nel medioevo per cucinare e curare.

  • Women's Tower: aggiunta dopo, nel 1837, si pensa sia stata la prima prigione costruita appositamente per le donne nel Paese. Dentro troviamo un paio di letti, tavolo con sedie ed attrezzi da cucina, piu' un manichino di donna cosi' come erano durante il medioevo. Sul muro viene proiettata una storia, da guardare ed ascoltare, di due antiche prigioniere della torre.

Aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 17.00 (Aprile-Ottobre) o dalle 10.30 alle 15.30 (Novembre-Marzo). Per informazioni aggiornate date uno sguardo al loro sito internet.

Church square

Esco dal museo e mi immetto in Church square che poi diventa Watch Bell Street, due stradine davvero bellissime e molto fotogeniche.
Church Square costeggia la Chiesa ed e' composta di una fila di basse casette a graticcio dalle porte piccine e passaggi stretti, cosi' antiche e apparentemente delicate che fa quasi paura toccarle 😊 Assisto alla scena di un postino della Royal Mail, un omone alto con la barba grigia e lunga legata con un elastico e la classica divisa rossa, che fatica non poco ad infilarsi in un passaggio che conduce ad una porta sul retro 😄

Watch Bell Street

Watch Bell Street invece ha le abitazioni un po' piu' moderne e decorate di fiori, sale da te' vintage e gallerie d'arte.

St. Mary Church

E' ora di tornare indietro e visitare St.Mary Church, la chiesa normanna del XII sec. che ho circumnavigato fino a questo momento.

Entrando si nota subito il pendolo dell'orologio che oscilla sopra le nostre teste. Il tesoro di St.Mary Church e' composto dalle sue campane, saccheggiate dai francesi durante il famoso incendio del 1377 e riportate poi a casa l'anno successivo, quando alcuni uomini di Rye salparono per la Normandia, incendiarono due città e recuperarono gran parte del bottino.

Per ammirarle bisogna salire sulla torre, anche qui l'ingresso costa solo £4.
Ancora una volta affronto le mie vertigini e comincio la salita.

La prima scalinata e' normale, di legno a chiocciola ma con gradini larghi. Si passa attraverso un corridoio strettissimo che a malapena ci entro, qualche altro gradino in pietra e si arriva alla "Ringing Chamber", la stanza che contiene il piu' antico orologio da campanile ancora funzionante nel Regno Unito! Venne installato nel 1561 ed ancora oggi suona ogni quarto d'ora. Il pendolo che al piano terra si vedeva oscillare parte da qui: e' lungo 5 metri e mezzo!

Fin qui tutto bene.

Bisogna poi salire altre due scalinate in legno davvero strette (sembrano due scale a pioli!) per arrivare alla "Bell Chamber", la stanza delle campane. Qui troviamo appunto le 8 campane, ma non sono le stesse rubate nel 1377 in quanto furono rifuse nel 1775 e ne vennero aggiunte di nuove. Tutte insieme pesano la bellezza di 5 tonnellate! Le campane vengono regolarmente suonate per funzioni e matrimoni dalla banda locale di scampanatori.

Dalla Bell Chamber ci sono altre due scalinate da brividi (mai guardare in basso!) che portano ad un piccolo e stretto pianerottolo, sempre in legno scricchiolante che da' su una porta in ferro decorato: basta spingerla per mettere piede finalmente sulla cima del campanile.

Tiro un sospiro di sollievo 😅

Il cielo si copre di nuvoloni minacciosi, tira un po' di vento ma non posso dire che faccia proprio freddo. L'atmosfera che si e' venuta a creare, con i tetti in terracotta che dipingono il villaggio di rosso e giallo, e' proprio adatta all'ambiente medievale del villaggio!

Dalla cima della torre si puo' godere del paesaggio di Rye che cambia sempre a seconda della marea e delle stagioni. Guardando ad est si vede il fiume Rother, il porto, la riserva naturale, il castello, guardando a nord si vede la stazione, il comune, la vecchia porta d'ingresso.

Le stradine del centro di Rye

Torno a terra, esco dalla chiesa e mi ritrovo su Lion Street.

Sento un signore che urla dietro l'angolo, tanta gente elegantemente vestita lo circonda, mi avvicino per capire cosa stesse succedendo. Siamo davanti al comune e c'e' una coppia di spose appena uscita dalla cerimonia.

Il signore che urla e' vestito con un cappotto rosso e oro, pantaloni blu, stivali e un cappello a tricorne. Agita una campana urlando "Oyez!", pronunciato "oh yay", per attirare l'attenzione dei presenti. E' il Town Crier, quello che noi chiameremmo il banditore, una figura molto comune nell'Inghilterra medievale, che aveva il compito di informare i cittadini delle ultime notizie, proclami, statuti e qualsiasi altra informazione importante, poiche' in quel periodo storico la maggior parte della gente era analfabeta e non sapeva leggere.

Tornando ai giorni nostri, chi si sposa al comune di Rye puo' usufruire dei servizi del Town Crier che saluta gli ospiti all'arrivo, accompagna la sposa all'interno del comune e dopo la cerimonia, quando tutti sono radunati fuori, annuncia il matrimonio in paese, camminando per le stradine seguito dagli sposi e dal corteo degli ospiti. Sulla mia pagina Instagram, nelle storie in evidenza, c'e' il video del Town Crier che urla per le strade di Rye, andate a vederlo!

Mermaid Street

Giro a sinistra sulla High Street, ancora a sinistra in una stradina in salita che si chiama West Street e mi ritrovo in cima alla strada piu' bella, pittoresca e fotografata di Rye: Mermaid Street.

Una stradina piena di carattere, fatta di ciottoli muschiosi e fiancheggiata sia da case a graticcio asimmetriche che da quelle Georgiane, Mermaid Street era la strada principale di attracco a Rye ed oggi un delle piu' fotografate del Regno Unito. E' davvero incantevole e mi e' stato difficilissimo non scattare mille fotografie!

Dove mangiare a Rye: The Mermaid Inn

Si e' fatta ora di pranzo e non resisto alla tentazione di entrare nel pub piu' famoso della storia di Rye, il The Mermaid Inn.

Originalmente risale al 1156, anno in cui venne costruita la prima cantina, l'intera struttura venne ricostruita nel 1420 e rappresenta uno splendido esempio di architettura Tudor, uno scrigno contenente 600 anni di storia e leggende.

Mi siedo al Giant's Fireplace bar, ordino un fish&chips e mi godo l'atmosfera che mi regalano quelle pareti, rimaste invariate nei secoli.
Il pub era il ritrovo della Hawkhurst gang, la temutissima e spietata banda di contrabbandieri locali di te', caffe', brandy e rum che operava negli anni '30 e '40 del 1700. La banda celebrava al Mermaid Inn dopo uno scambio di contrabbando riuscito, talmente sicura di se stessa e che nessuno avesse avuto il coraggio di affrontarla, che metteva le pistole cariche in bella vista sui tavoli.

Faccio un giro al piano terra della struttura, osservo la lounge riservata ai clienti dell'hotel, i suoi muri di legno scuro intagliato, gli specchi incorniciati d'oro, la moquette rossa che ricopre tutti gli ambienti e le scalinate, le finestre reticolate, la parete con le foto dei personaggi famosi che negli anni hanno alloggiato nell'Inn.

Tetto spiovente, pavimento scricchiolante, muri adornati da quadri del 1700, il Mermaid Inn e' anche un hotel molto particolare: ha 31 stanze tutte diverse con nomi dedicati alle persone che hanno fatto la storia dell'Inn e di Rye e, udite udite, pare sia infestato da 5 fantasmi!
Che ci crediate o no, si dice che diversi ospiti dell'hotel abbiano udito, nel cuore della notte, passi e rumori di spade; una coppia, talmente spaventata, in piena notte e' scappata dalla stanza andando a dormire sui divani della lounge del pian terreno, qualcuno ha addirittura filmato delle figure che si muovono in trasparenza!
Che si tratti di leggenda o un'abile mossa di marketing, la fama del Mermaid Inn e dei suoi "ospiti" particolari si e' diramata in tutte le contee limitrofe, regalando all'Inn la reputazione di "pub di fantasmi e contrabbandieri".

The Mint

Esco a malincuore dal Mermaid Inn, promettendomi di tornare e dormirci una notte.
Percorro Mermaid Street in discesa, alla fine della quale c'e' l'Old Borough Arms, giro a destra e mi immetto in The Mint.
Sulla sinistra trovo The Old Bell Inn, un altro inn famoso a Rye che pare sia connesso al Mermaid Inn da un passaggio segreto. Mi farebbe piacere entrare ma ho appena finito di mangiare e bere, me lo segno per la prossima volta.
In un vicoletto sulla destra, nascosto dietro delle siepi, trovo il Cobbles Tea Room, una deliziosa sala da te' stile vintage che serve il tradizionale afternoon tea con torte e scones. Il vicoletto acciottolato e' pieno di vasi di fiori ed uccellini che raccolgono le briciole, anche qui devo purtroppo rinunciare avendo gia' lo stomaco pieno (ecco un terzo motivo per tornare!)

Rye Harbour Nature Reserve

Mi ritrovo sulla High Street, rendendomi conto che tutto cio' che potevo vedere era stato visto.
Sono le 16:00, non mi va ancora di tornare a Londra, decido quindi di seguire il consiglio del curatore del Castello e andare a visitare la Riserva Naturale al porto di Rye.

Torno quindi alla stazione, prendo il bus 313 per Rye harbour; il biglietto si fa a bordo anche con carta contactless, costa £2.70 a/r e sono 8 minuti di tragitto.

Rye Harbour Nature Reserve e' una grande riserva costiera fatta di una spiaggia di ciottoli, lagune, paludi salmastre e canneti che fanno da dimora per varie specie di uccelli e piante. C'e' un sentiero lungo ben 15km lungo il quale sono dislocate 5 postazioni nascoste da cui osservare gli uccelli, ideale per chi ama fare birdwatching.

All'ingresso della riserva ci sono un parcheggio auto e i bagni pubblici.

Attenzione: l'ultimo bus per tornare in paese e' alle ore 17.08! Io scioccamente non ho controllato perche', troppo abituata a Londra, davo per scontato che i bus ci fossero almeno fino ad ora di cena... e invece sono rimasta a piedi! Per fortuna un signore mi ha dato un passaggio con l'auto, altrimenti erano 50 minuti di passeggiata! 😅

Come raggiungere Rye da Londra

Che ne dite, vale la pena farsi un giretto ? A me e' piaciuta davvero tantissimo, azzarderei dire uno dei villaggi piu' belli visto fino ad oggi - insieme a quelli visitati durante un weekend alle Cotswolds!

Se ci state facendo un pensierino, ecco come raggiungere Rye da Londra.

Dove si trova Rye?
Rye e' nella contea dell' East Sussex, a sud ovest dell'Inghilterra, al confine col Kent.
Non c'e' un treno diretto da Londra a Rye, quindi bisogna prendere un treno per Ashford International dalla stazione di St.Pancras e ad Ashford fare il cambio con il treno diretto a Rye.

Treni, tempistiche e prezzi: ho comprato i biglietti a/r direttamente in stazione, con la compagnia Southeastern per Ashford (£33 a/r) e Southern Railway per Rye (£8 a/r). Per Ashford c'era anche un biglietto da £27 non valido sugli high speed trains, ma non sapendo quale treno avrei beccato ho scelto di prendere quello da £33 e bene ho fatto perche' poi era uno high speed! Inoltre consiglio di arrivare mezz'ora prima a St.Pancras perche' io ci ho messo un buon quarto d'ora per capire da dove sarebbe partito il treno, ci sono tre stazioni e sono grandi!
Insomma alle 9.34 il mio treno e' partito da St.Pancras direzione Sandwich, alle 10.15 e' arrivato ad Ashford. Sono scesa, ho fatto il biglietto al volo per Rye e ho preso il treno in partenza alle ore 10.24 con arrivo alle 10.44.

Per farla preve ho impiegato un'ora e 10 minuti di tragitto per arrivare a Rye ed ho speso £41 a/r.
Ah, il wifi e' gratis e ci sono prese della corrente su entrambi i treni! 😉

Condividi! b a c

Piaciuto? Prova questi altri articoli!

© Copyright 2019, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies