Autunno a Rovaniemi e dintorni, cosa vedere in 3 giorni

Novembre 2018
5 giorni (3 pieni)
il salmone piu' buono del mondo!
teleobiettivo e grandangolo
boschi e parchi nazionali
cara

Voi ci credete nel destino?

Questa estate, ad Agosto, ho passato due settimane a progettare un viaggio autunnale nella Foresta Nera - in Germania - nei minimi dettagli, ma c'era sempre qualcosa che non andava: una volta il costo dell'auto era esagerato, una volta il periodo non mi convinceva, una volta il percorso era lungo, insomma mi demotivavo ogni giorno. Una sera avevo concluso: avevo sotto controllo i voli, il noleggio auto, i prezzi degli alloggi, cosa fare e vedere in tutti i paesini giorno per giorno. Dovevo solo chiedere le ferie e prenotare.
La mattina dopo mi sveglio e la prima cosa che leggo e': Easyjet, direct flights Gatwick-Rovaniemi £62 return. All'improvviso l'euforia, la gioia, gli urletti, tutto quello che mancava emotivamente al viaggio nella Foresta Nera mi copisce come un temporale improvviso in piena estate! Le renne, gli husky, la neve, le aurore boreali, Babbo Natale: non pensavo ad altro!!!!

Destino o no, mi piace pensare che tutti quei piccoli imprevisti che mi demotivavano erano solo un chiaro segnale che la mia meta non era quella, almeno non in quel momento: la mia felicita' era molto piu' a nord, al circolo polare artico!

Quando andare a Rovaniemi

Come ho gia' accennato prima, la scelta di visitare Rovaniemi a Novembre e' stata molto casuale: c'era un'offerta pazzesca per approfittare del primissimo volo Easyjet della tratta Londra Gatwick-Rovaniemi, quindi non ci ho pensato due volte e ho preso quel biglietto di £62.

Visitare Rovaniemi a Novembre ha i suoi lati positivi e negativi: se da una parte non fa ancora troppo freddo, e' bassa stagione e quindi non ci sono troppi turisti e i prezzi sono "contenuti" (per quanto possano essere contenuti i prezzi della Finlandia), di contro il clima non e' dei migliori (a Novembre Rovaniemi e' una lastra di ghiaccio, abbiamo trovato nuvole e nebbia quasi tutti i giorni!) e molte attrazioni ed attivita' che richiedono la neve sono ancora chiuse.

Novembre e' quel mese di transizione in cui la ruska ("estate indiana" in Lappone, ossia quel periodo autunnale in cui le foglie assumono varie tonalita' di giallo e rosso) e' terminata ma l'inverno lappone non e' ancora arrivato. Il freddo e' abbastanza intenso, i laghi e i fiumi cominciano a ghiacciare, si puo' trovare un leggero strato di neve nelle zone di alta montagna ma in citta' c'e' solo tanto, scivolosissimo ghiaccio 😅 Le temperature che abbiamo trovato si aggiravano intorno allo zero, con minima -2 e massima +2.

Devo essere onesta, se tornassi indietro non sceglierei Novembre come mese per visitare Rovaniemi, ma partirei in inverno inoltrato.

Come arrivare e come muoversi a Rovaniemi

Al momento in cui scrivo questo articolo (Dicembre 2018) non ci sono voli diretti dall'Italia per Rovaniemi. Bisogna fare scalo ad Helsinki o in qualche altra citta' europea, come Londra (infatti il mio amico Fabio e' venuto da me a Londra e il giorno dopo siamo partiti insieme). Da Londra il volo dura 3 ore e mezza, bisogna calcolare poi che Rovaniemi e' due ore avanti rispetto al'Inghilterra ed una sola avanti rispetto all'Italia.

Una volta atterrati, dopo il selfie d'obbligo con Babbo Natale, abbiamo preso l'auto a noleggio precedentemente prenotata con FiRent e ci siamo diretti in centro citta', che dista meno di 10 minuti di auto dall'aeroporto.
La citta' e' piccolissima e percorribile a piedi, ma non fidatevi dei mezzi di trasporto pubblici: non volendo noleggiare un'auto, affidatevi ai taxi oppure assicuratevi che le escursioni che prenotate comprendano il trasporto dall'hotel al luogo di destinazione. Noi come al solito abbamo noleggiato l'auto perche' preferiamo essere indipendenti e fermarci dove e quando abbiamo voglia 😊
Il parcheggio in centro a Rovaniemi e' a pagamento dalle 9 alle 18, noi ci siamo regolati in base a questi orari per uscire e rientrare in modo da non dover pagare troppo.

Dove dormire a Rovaniemi

Abbiamo trovato un bellissimo appartamentino in pieno centro, caldo, nuovo e silenzioso, con sauna privata ed il tipico arredamento nordico. 400€ per 4 notti, tre posti letto (un letto matrimoniale ed un divano letto comodissimo!).
Se vi interessa sapere il nome, scrivetemi pure e vi mando il link.

Ora basta con le informazioni pratiche, passiamo alla parte piu' interessante del racconto, ossia cosa vedere a Rovaniemi e dintorni!

Cosa vedere a Rovaniemi e dintorni:

Lago Olkkajärvi (Apukka resort)

Guardando le previsioni meteo, e' chiaro che la nostra prima giornata in Finlandia sarebbe stata l'unica di cielo sereno o poco nuvoloso, quindi ne approfittiamo per uscire subito dalla citta' e andare a fare una passeggiata nel Parco Nazionale di Pyha-Luosto.
Lungo la strada, poco dopo il villaggio di Babbo Natale, ci fermiamo sulla riva di un fiume semi ghiacciato, incuriositi dal gruppo di cabine circolari, in legno e con i tetti di vetro, ed una tenda indiana che contiene i rimanenti di un fuoco acceso probabilmente la sera prima. Siamo all'Apukka Resort, ai piedi del lago Olkkajärvi. Da qui c'e' una bella visuale sul cielo, immaginiamo sia la zona perfetta per vedere l'Aurora Boreale anche per l'eventuale riflesso sul lago!

Rimaniamo un po' a guardare il ghiaccio che prende il sopravvento sul lago, gli alberi semi spogli, il cielo in movimento.
Immagino sempre i posti che visito come delle donne. La Finlandia, invece, per la prima volta mi dà l'idea di un uomo: selvaggio, duro, affamato, impavido, ma anche affascinante, saggio e pieno di storie da raccontare. I colori che ho trovato infatti non hanno nulla a che vedere con la mia solita gamma di pastelli: hanno i toni del tardo autunno finlandese, tra la ruska e l'inizio del lungo e freddo inverno lappone.

Pyha-Luosto national park

Risaliamo in auto e ci dirigiamo a nord, all'incirca 111 km a nord di Rovaniemi.
Il parco nazionale e' immenso, 142 km² ed ha due localita' principali, Pyha e Luosto. Potreste cominciare la vostra visita da Luosto, a nord-ovest, o da Pyha, a sud-est: i due punti distano 23 km l'uno dall'altro.
Noi parcheggiamo l'auto al punto informazioni Naava di Pyha e, siccome e' gia' mezzogiorno, ne approfittiamo per riscaldarci con una bella zuppa al Café Loimu prima di cominciare l'escursione.

La Finlandia quel giorno ha deciso di essere buona con noi regalandoci un bel cielo azzurro, quasi libero dalle nuvole, con stupendi colori invernali, un po' di neve artica, laghi ghiacciati e un bel sole basso e caldo che sembrava stesse tramontando per ore ed ore.

Camminiamo in totale circa 3 ore lungo uno dei sentieri piu' facili fino al punto in cui la nostra bella passeggiata viene brutalmente interrotta: il ghiaccio ha reso le rocce cosi' scivolose che e' fisicamente impossibile oltrepassare questa gola, che sembra tanto una crepa nella Terra, chiamata Isokuri Gorge (nella terza foto sopra vedete Fabio interdetto 😆).

Il parco ha vari sentieri di diverse lunghezze e difficolta', dal piu' breve di 5 km al piu' lungo di 35 km; a seconda di quanto tempo si ha a disposizione e soprattutto delle condizioni atmosferiche, si possono fare le escursioni da qualche ora a qualche giorno, poiche' il parco e' ben attrezzato con caffe', ristoranti, hotel, rifugi e capanne lapponi.
L'offerta naturalistica del parco e' ampia e si possono fare diverse attivita', dallo sci invernale alle passeggiate estive, sia a piedi che in mountain bike o anche in canoa.

Una delle attrazioni naturalistiche principali del parco e' la miniera di ametista, situata nel cuore del parco ma non raggiungibile con la propria auto: solo gli autobus ed i taxi hanno il permesso di raggiungerla, attraverso una strada particolare ed avendo i permessi della compagnia che cura la miniera.

Insomma dall'Isokuri Gorge torniamo indietro, per evitare che facesse buio (a Novembre le ore di luce sono solo 8) e quando stiamo quasi per raggiungere l'auto e lasciare il parco nazionale, intravediamo da lontano la nostra prima renna, che bruca tranquillamente senza degnarci di uno sguardo 😄
Sebbene in lapponia finlandese ci siano piu' renne che esseri umani, questa e' stata l'unica che abbiamo visto pascolare liberamente, molto probabilmente perche' vicino la citta' ci sono troppe persone e rumori.

Tramonto sul lago

Risaliamo in auto mentre il sole sta scendendo sempre di piu', il cielo si copre di nuvole lilla con sfumature arancioni. Lo spettacolo e' troppo bello, ci fermiamo alla prima area disponibile che sbocca su un lago e ci precipitiamo giu' dalla macchina, letteralmente correndo in riva al lago per scattare piu' foto possibili prima che i colori svaniscano. Un cane ci abbaia contro, un signore panzuto con tanta barba ci guarda sospettoso da dietro le tende della sua bella casetta in legno.

Ci ho provato, ragazzi, a cercare il nome di questo lago semi ghiacciato, ma se la Finlandia e' chiamata "la terra dei mille laghi" un motivo ci sara', e il non aver messo il punto sulla mappa mentre ero li' mi e' costato caro: non sapro' mai il nome di questo posto 😌

La sera dopo cena proviamo ad andare in riva al lago Olkkajärvi per l'Aurora Boreale, ma a parte qualche bagliore invisibile ad occhio nudo, nulla di fatto: e' troppo debole.

Santa Claus village

Il giorno dopo ci svegliamo con un bello strato di nebbia sopra le nostre teste: e' la giornata ideale per andare a fare visita a Babbo Natale 😊

Il Santa Claus Village si trova ad 8 km a nord-est di Rovaniemi, piu' o meno alla stessa altezza dell'aeroporto, ci vogliono quindi davvero giusto una decina di minuti di auto per raggiungerlo.

Non vi scervellate a cercare un orario di apertura e chiusura del Santa Claus Village, non lo troverete 😆 Questo perche' il villaggio ha ingresso libero ed ogni attrazione/ristorante ha degli orari propri.

La prima cosa da fare e' sorpassare la linea del circolo polare artico, che collega l'ufficio postale di Babbo Natale al suo ufficio vero e proprio. Ed e' proprio in questo ultimo edificio, il Santa Claus Office, che lo troverete, dopo aver intrapreso il viaggio all'interno dell'ingranaggio che gli permette di fermare il tempo per una notte in modo da riuscire a portare i regali a tutti i bambini del mondo 😊
Santa Claus parla tantissime lingue, e' stato carino sentirlo cambiare lingua a seconda dei suoi ospiti mentre facevamo la fila e poi poter parlare in Italiano con lui 😊
L'unica nota negativa e' questa: al suo cospetto e' vietato fare fotografie, questo perche' c'e' un elfo che le scatta per tutti gli ospiti ed una telecamera registra il momento dell'incontro. All'uscita si possono acquistare le fotografie: una sola costa 32€, tutto il pacchetto (ce ne hanno scattate una decina in totale) con il video e la possibilita' di scaricarle dal sito per un anno, 80€. Ci e' sembrato un po' troppo, ma abbiamo diviso la spesa e comprato la nostra singola fotografia.
Non vi nego che un po' di delusione c'e' stata 😔

Appena dietro l'ufficio di Santa Claus troviamo le renne che sonnecchiano in attesa di una passeggiata in slitta. Dato che la neve non c'e', un percorso e' stato innevato artificialmente per permettere il passaggio delle slitte.

Il villaggio e' circondato da resort, hotel e meravigliose casette in legno con enormi vetrate per chi volesse spendere un po' di piu' e dormire in un posto da sogno!

Piu' in la' troviamo l'Husky Park, una fattoria, l'ufficio postale, ristoranti e vari negozi tutti a tema natalizio.
Ah! Nel Santa Claus Village abbiamo mangiato il salmone piu' buono del pianeta, ma ve lo dico in fondo all'articolo, nella sezione "dove mangiare a Rovaniemi" 😉

Musei

Dedichiamo il pomeriggio ai musei.
Con il Culture Pass, gentilmente offertoci da Visit Rovaniemi, abbiamo accesso a 3 musei: il Korundi House of Culture, che ospita arte moderna finlandese, il Pilke Science Centre, incentrato sull'uso sostenibile delle foreste nordiche, e l'Arktikum, che spiega tutto sull'Aurora Boreale, la storia e la cultura della Lapponia.

L'Arktikum in particolare e' situato in una buona zona per spedizioni notturne a caccia di Aurore, senza allontanarsi troppo dal centro di Rovaniemi 😉

Vikaköngäs bridge

Siamo al giorno tre, sveglia di buon'ora per arrivare in orario al Bear Hill Husky.
Passiamo una splendida mattinata con i cani, imparando molto e divertendoci, ma a quest'avventura voglio dedicare un post a parte quindi ve ne parlero' a tempo debito 😊

Dopo un panino al volo a Rovaniemi, usciamo di nuovo dalla citta' per andare a scattare due foto al Vikaköngäs bridge, un'altra zona di hiking al di sopra del circolo polare artico.
Anche qui c'e' parecchio ghiaccio e si scivola facilmente, dobbiamo procedere davvero a velocita' lumaca per rimanere in piedi 😆
Mi diverto a provare per la prima volta il mio filtro a densita' neutra, che rende l'acqua del fiume "setosa" ed esalta la lucentezza del ghiaccio! Viaggiare con una macchina fotografica rende tutto piu' divertente 😍😍😍

Aurora Boreale

Dovete sapere che tre giorni prima di partire, durante un sonnellino pomeridiano, ho fatto un incubo: io che cercavo di fotografare l'aurora boreale e non ci riuscivo perche' la vista era ostruita da un gruppo di turisti asiatici 😑 Beh devo dire che stavolta di turisti asiatici non ne ho incontrati tantissimi, anzi c'erano tantissimi italiani! Ma la difficolta' nel fotografare l'aurora, quella si, si e' avverata eccome!

Avevamo precedentemente scaricato l'app Aurora Forecast, che indica la percentuale di possibilita' di vedere l'Aurora ad ogni ora e quanta intensita' avra', in una scala da KP1 a KP8.
Dopo tre notti di cielo coperto e bassa intensita', sabato finalmente il cielo era quasi libero e l'app segnava KP5!
Dopo cena siamo tornati ancora una volta all'Apukka Resort, ma l'aurora era debolina e il mio obiettivo ha fatto fatica a mettere a fuoco a causa del buio pesto.

Decidiamo dopo un po' di spostarci, tornando a Rovaniemi e tentando la fortuna nel giardino dell'Arktikum, dove troviamo un gruppo di persone in assetto da guerra con i treppiedi piazzati e gli obiettivi puntati verso il cielo: puo' essere l'occasione giusta! L'aurora e' ancora debole, ma almeno ci sono delle luci in lontananza e riesco a mettere un po' piu' a fuoco rispetto a prima. Dopo una mezz'oretta di attesa e prove, l'Aurora si accende e comincia a danzare, illuminando tutto il cielo e riflettendosi nel fiume sottostante! Uno spettacolo magnifico!

Ho provato anche a fare una piccola GIF per farvi vedere come si muove l'Aurora in cielo:

via GIPHY

Dopo un po' torniamo a casa, l'Aurora stava ancora danzando ma io, nonostante i millemila strati, stavo congelando 😕

Lumberjack's candle bridge

L'ultima mattina, prima di restituire l'auto e ripartire per Londra, abbiamo approfittato del cielo semi sereno per goderci l'alba polare con i suoi splendidi colori.
Erano circa le 8 e siamo andati a piedi sotto il Lumberjack's candle bridge, ponte icona di Rovaniemi, e abbiamo passeggiato lungo il fiume Kemijoki che ghiacciava sempre di piu'.
Il paesaggio ghiacciato e' una vera meraviglia, ancor di piu' quando l'alba regala quelle sfumature lilla!

Dove mangiare a Rovaniemi

Come accennavo prima, il posto che piu' mi e' rimasto impresso e' il Santa's Salmon Place presso il Santa Claus Village.
Si tratta di una piccola tenda Sami con un fuoco al centro, 4-5 tavoli di legno e tre ragazzi che grigliano salmone fresco senza sosta. Entrare nella tenda ed aspettare la cottura del salmone, una mezz'oretta circa, mentre ci si riscalda vicino alla brace, rilassarsi ascoltando lo scoppiettio del fuoco e bevendo del buon succo di frutti rossi caldo: quel tepore e quel senso di relax non li scordero' mai 😍
Il menu' e' composto da un solo piatto principale, il salmone, un pezzone di almeno 200gr che viene servito in un piattino di legno e accompagnato da insalata e pane caldo.
Il Santa's salmon place e' aperto fino alle ore 18 e non accetta prenotazioni, quindi semplicemente presentatevi li' e pazientate se trovate un po' di fila, ne varra' la pena!

Gli altri posti dove abbiamo mangiato sono il Kauppayhtiö - Bar & Restaurant, un pub-pizzeria a Rovaniemi dove abbiamo preso un buon burger, il ristorante Nili, bellissimo ma mooolto costoso, ed il Bull Bar & Grill, il classico pub affollato da ragazzi desiderosi di una birra fresca ed una partita di calcio in tv.

Quanto si spende a Rovaniemi?

A parte un paio di shock inaspettati al portafogli (la foto con Babbo Natale 32€ e la cena al ristorante Nili dove potevamo scegliere un solo menu' di cibo raffinato della bellezza di 42€ a testa - se l'avessimo saputo prima! 😒), ho trovato Rovaniemi non piu' costosa di Londra. Vi faccio qualche esempio delle nostre spese:

  • appartamento in centro con sauna privata: 400€ per 4 notti in tre persone;
  • noleggio auto: 150€ per 5 giorni;
  • pieno di benzina 50€;
  • prima cena al Kauppayhtiö - Bar & Restaurant, burger patatine e birra: 20€;
  • pranzo a buffet al centro informazioni del Parco Nazionale: 10€;
  • colazione a buffet all'ostello di fronte casa: 8€;
  • salmone grigliato al Santa's Salmon place: 22€;
  • toast e coca cola al centro commerciale: 8€;
  • burger, patatine e birra al Bull Bar & Grill: 21€

Ragazzi vi assicuro, niente in confronto alla carissima Norvegia dove ho pagato £8 per una mezza pinta di birra! 😅😅😅

Conclusione e ringraziamenti

E' tutto ragazzi, posso concludere dicendo che questo pezzo di Finlandia e' affascinante e sicuramente da esplorare, forse piu' in inverno pieno che in autunno inoltrato. Tralasciando il lato forse un po' troppo commerciale del Santa Claus Village, ho apprezzato tantissimo la natura lappone, il carattere dei finlandesi, gli animali ed i colori del cielo.
Immagino che visitare Rovaniemi con i bambini sia ancora meglio!


Questo articolo e' scritto in collaborazione con Visit Rovaniemi, l'Ente del turismo che ringrazio per le card e che vi consiglio di contattare per qualsiasi informazione aggiuntiva 😉

Condividi! b a c

Pro

  • l'Aurora Boreale
  • i paesaggi nordici
  • il safari con gli husky

Contro

  • il ghiaccio scivoloso
  • il Santa Claus Village e' troppo costoso
© Copyright 2019, Tutti i diritti riservati

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies