Viaggio alle isole Lofoten in Norvegia

Ottobre 2016
4 giorni
L'obiettivo super wide angle e' un must!
Ottime zuppe di pesce!
Natura rigogliosa e dorata!
Costosina!
  1. Norvegia
  2. Le isole Lofoten
  3. Viaggio alle isole Lofoten in Norvegia

Aggiornamento: Maggio 2020

Se state partendo per un viaggio alle isole Lofoten, in Norvegia, sappiate che state per vedere uno dei luoghi piu' belli al mondo!
Oltre all'Australia, non ricordo un posto che mi abbia lasciato talmente a bocca aperta da non riuscire a dire altro che "wow!" durante tutto il viaggio!
Le avevo sognate tanto e avevo letto di tutto, visto mille fotografie e video. Ma vi assicuro che niente equivale all'emozione di essere li', nel realizzare di essere "dentro la cartolina", respirare quell'aria fresca e dormire nelle casette di legno dei pescatori, vedere con i miei occhi l'Aurora Boreale con l'adrenalina a mille, constatare che anche le strade piu' banali e non fotografate sono meravigliose!

Le Lofoten sono un arcipelago di 1227 km², le cui isole più grandi sono Austvågøy, Gimsøy, Vestvågøy, Flakstadøy e Moskenesøy.
Tutte le isole sono abbracciate da montagne a strapiombo sul mare e collegate tra loro dalla splendida E10, una strada super panoramica costituita da tunnel e ponti da brividi.

Quando andare alle Lofoten

Le isole Lofoten si trovano oltre il circolo polare artico.
Non pensate pero' che si geli troppo: il clima è abbastanza mite grazie alla corrente del Golfo, per cui anche i piu' freddolosi possono visitarle senza soffrire troppo, in qualunque mese dell'anno!

Le risposte alla domanda "qual e' il periodo migliore per visitare le isole Lofoten?" sono due: sempre e dipende 😁

Sempre perche' le isole offrono spettacoli naturali tutto l'anno: tra la fine di Maggio e meta' Luglio si puo' ammirare il fenomeno del sole di mezzanotte, quando il sole non scende mai sotto l'orizzonte, mentre da Settembre a meta' Aprile, se le condizioni meteo sono buone, c'e' l'Aurora Boreale.

Ma dipende da voi: cosa vi aspettate da un viaggio alle isole Lofoten? Vi piacciono i paesaggi innevati o la natura verde e rigogliosa? Volete fare hiking, kayak, andare in bicicletta o preferite sci e ciaspolate? Ogni stagione offre opportunita' di divertimento, bisogna solo chiedere.

Io ho scelto di visitare le isole Lofoten in autunno (inizio Ottobre) per diversi motivi:

  • amo il foliage ed i colori autunnali, quindi volevo vedere le isole nella loro veste dorata;
  • e' un buon momento per vedere l'Aurora Boreale, se le condizioni meteo sono buone;
  • l'autunno e' bassa stagione, che vuol dire prezzi piu' bassi e meno turisti in giro;
  • in autunno ci sono buone temperature, quindi si puo' resistere ore ed ore all'aperto di notte ad aspettare le Northern Lights senza dover necessariamente indossare abbigliamento tecnico o ingombrante;

Quanto tempo spendere alle isole Lofoten

Vi consiglio di decicare alle Lofoten una settimana, e con una settimana intendo non meno di 4 giorni pieni: considerate che per arrivarci impiegherete una giornata intera, tra scali ed attese varie, cosi' come per tornare a casa.
Inoltre le isole sono molto estese, abbiamo detto 1227 km², quindi capirete bene che per percorrerle e visitarle ci vuole tempo.

Come arrivare alle isole Lofoten

Arrivare alle isole Lofoten non e' molto semplice ne' veloce in quanto non esiste un volo diretto dall'Europa: bisogna fare almeno uno scalo ad Oslo e quindi considerare diverse ore tra attese in aeroporto, ore di volo effettivo, tempo speso per effettuare il cambio e ore di guida. Ma ne vale assolutamente la pena!!

Una volta arrivati ad Oslo, bisogna fare una scelta:

  • opzione A) volo interno + auto: da Oslo prendere un volo interno diretto per l'aeroporto di Harstad/Narvik, ad Evenes, che e' la zona piu' vicina su terraferma alle isole Lofoten. Qui bisogna noleggiare un'auto e guidare fino alle Lofoten: a seconda di dove volete alloggiare, potreste impiegare da un'ora a cinque di guida.
  • opzione B) volo interno + traghetto: da Oslo prendere un volo interno per Bodø e poi prendere il traghetto per Moskenes (sud delle isole Lofoten), che impiega circa 3 ore (info su prezzi ed orari del traghetto qui: www.torghatten-nord.no).
  • opzione C) 2 voli interni: da Oslo prendere un volo interno per Bodø e poi ancora un altro volo interno per Leknes (centro-sud delle isole Lofoten).

Avendo programmato il viaggio in auto dalle isole Lofoten fino a Tromsø, la nostra scelta e' ricaduta sulla prima opzione, ovvero volare da Oslo ad Evenes e poi noleggiare l'auto.

Come muoversi alle isole Lofoten: noleggio auto e guida

All'aeroporto di Harstad/Narvik abbiamo noleggiato quindi un'auto con Europecar (tramite Rentalcars.com come sempre) per avere la liberta' di fermarci dove, quando e per quanto tempo volevamo.

I documenti necessari per il noleggio auto sono:

  • patente (quella italiana e' sufficiente);
  • una carta di credito intestata a chi guida;
  • un documento d'identita'.

Il noleggio auto e' stato una bella batosta per il nostro portafogli: €365 per una settimana di noleggio, con ritiro ad Evenes e consegna a Tromsø. Probabilmente sarebbe costato di meno se avessimo riconsegnato l'auto ad Evenes invece che in un'altra citta', ma a noi conveniva guidare fino a Tromsø invece di arrivarci con altri mezzi. Se poi immaginiamo i costi di trasporto ed escursioni varie che avremmo dovuto affrontare senza un'auto a disposizione, capirete che i soldi spesi per il noleggio auto li avremmo comunque spesi in altre attivita'.

In ogni caso non rimpiango nemmeno un Euro versato: noleggiare un'auto sulle isole Lofoten e' una delle soluzioni migliori anche per poter andare a caccia dell'Aurora Boreale in fai da te, ed e' quello che abbiamo fatto ogni sera!

Guidare alle isole Lofoten e' molto facile: le strade sono ben indicate, larghe e pulite, senza pedaggi da pagare ma il limite di velocita' pero' e' di soli 60km/h, quindi abbiate pazienza e godetevi il paesaggio!
Vi ritroverete a guidare sempre sulla E10, la strada principale che collega le isole da nord a sud e che non lascerete mai.

Dove dormire alle isole Lofoten

Per questioni di tempo e comodita' ho scelto di dormire le prime due notti ad Hamnøy (sud-ovest) e le altre due notti vicino Svolvær (nord-est), in modo da essere gia' a meta' strada nel viaggio verso Tromsø.

Ad Hamnøy ho scelto l'Eliassen Rorbuer, uno splendido complesso di cottages in perfetto stile norvegese immerso nella indimenticabile cornice del fiordo di Hamnøy.

La nostra finestra affacciava sul mare e sul monte Olstind che domina il fiordo. Una bellissima esperienza che ho raccontato nel post dedicato a questa location: Dove dormire - e vedere l'Aurora Boreale - alle isole Lofoten.

A Svolvær invece ho scelto un campeggio piu' economico, dalle cabine piu' piccole e bagno in comune, ma affacciato su un fiordo comunque molto bello: l'Hammerstad Camping.

Cosa vedere alle isole Lofoten

Ma passiamo ora a cosa vedere alle isole Lofoten.
L'arcipelago e' composto da 4 grandi isole, Austvågøy, Gimsøy, Vestvågøy, Flakstadøy e Moskenesøy e piu' tempo avete, piu' ovviamente riuscirete a vedere.
Qui c'e' la mappa con i punti che sono riuscita a vedere io in 4 giorni pieni, che descrivo di seguito partendo da nord fino a sud (i punti verdi sono quelli dove ho fotografato l'Aurora Boreale).

Vaterfjord

Il Vaterfjord e' stata una vera scoperta!
Dico la verita', avevo scelto questo posto solo perche' sede del campeggio piu' economico della zona (l'Hammerstad Camping, appunto!), quindi non mi ero minimamente informata dei dintorni 😆 Invece una volta giunti qui ci siamo stupiti della bellezza della cornice del campeggio!

Adagiato in un fiordo, in riva al mare e di fronte all'isola di Vatterøya.
Le albe e i tramonti qui sono spettacolari! Le cabine sono tutte dirette verso il fiordo, cosi' che la mattina una debole luce attraversa le tendine avvertendoti che il cielo e' rosa perche' il sole sta per spuntare e il pomeriggio puoi goderti il tramonto arancione direttamente dal tuo terrazzino! 😍

Svolvær

A 15 min di auto dal Vaterfjord c'e' Svolvær, la capitale delle isole Lofoten e città più antica del Circolo polare artico.
E' l'unica citta' nel vero senso della parola di tutte le isole, con banche, negozi, tourist office, ristoranti ed hotels. E' anche la piu' moderna, stando a guardare gli appartamenti costruiti sul porto!

Svolværgeita

Svolværgeita e' uno dei simboli delle Lofoten, vuol dire "la capra di Svolvær".
E' una montagna con il picco a due punte (le corna della capra) che domina la citta' dai suoi 150 mt di altezza, uno dei piu' popolari in Norvegia per gli amanti delle arrampicate.
Alcuni spericolati alla ricerca del brivido non si accontentano di scalare il picco della montagna, hanno addirittura il coraggio di fare il salto di 1,5 mt da una punta all'altra! 😣
A me ovviamente e' bastato fare una passeggiata immersa nella natura ai piedi della montagna, puntare lo zoom verso le corna e fare click 😂
Non scherziamo, ragazzi 😒

Kabelvåg

A poco meno di 6 km a sud di Svolvær troviamo Kabelvåg, un piccolo villaggio molto piu' tranquillo e intimo.
Una piccola piazza che da' sul minuscolo porto segna la parte centrale del villaggio, punteggiato di casette colorate, piccoli caffe' e qualche ostello.

Henningsvær

Henningsvær e' un villaggio di pescatori molto caratteristico, situato su diverse isolette a 25 km a sud-est di Svolvær.
L'architettura e' quella tradizionale norvegese: antiche casette di legno colorate, adagiate su palafitte se costruite sul porto; ristoranti e cafe' tipici, piccole botteghe, negozietti indipendenti, la galleria d'arte Lofoten Hus (chiusa pero' da ottobre a gennaio).

Perfino la strada per arrivarci e' bellissima, composta da ponti che passano su isolette, tra montagne e laghi 😍

Skagsanden Beach

Proseguendo lungo la E10 in direzione Å, sull'isola di Flakstadøya, all'improvviso incontriamo la Skagsanden Beach.
Impossibile non vederla, e' li', grande e chiara. Una spiaggia!!!
Strano incontrare una spiaggia dopo km e km di pietre, montagne, scogli.
E invece eccola li', che ci fa inchiodare l'auto e scendere subito per correre verso la riva.
Il ruscello che arriva al mare forma degli strani disegni bianchi e neri sulla sabbia, alcune rocce affiorano dall'acqua e il cielo non propriamente soleggiato accentua lo scenario nordico.

Reine

A 12 min da Hamnøy c'e' Reine, il villaggio piu' fotografato di tutte le isole Lofoten.
Un gran peccato aver trovato un tempaccio quel giorno 😞

Con le cabine rosse dei pescatori che punteggiano la costa e le montagne circostanti che compongono il Reinefjorden, il paese e' considerato da molti il posto piu' bello del mondo!
Reine e' un paese tranquillo, ma con uno scenario naturale che non compete...ok, io ho trovato nebbia e pioggia, ma andate a cercare le immagini di Reine su Google e poi mi fate sapere 😅
Sulla strada c'e' una piccola Coop, utile per fare la spesa e risparmiare un po' cucinando almeno qualche pasto.

Tind

Poco prima di arrivare ad Å la vostra attenzione sara' catturata da un gruppo di Rorbuer gialli e rossi affacciati sul mare: siamo a Tind, un minuscolo e antico villaggio di pescatori composto da una manciata di casette, un ristorante e un bar.
I Rorbuer sembrano nuovi, o almeno da poco dipinti.
Noto un paio di merluzzi appesi ad essiccare e mi rendo conto di non averne ancora visti in giro, a dispetto della fama di cui godono.
Molti mi dicevano che le Lofoten "profumano" di pesce, io per fortuna o purtroppo non ho annusato altro che aria fresca 😅

Å

A meno di 10 chilometri a ovest di Reine c'è il capolinea della E10 e il pittoresco villaggio di Å, l'ultimo delle isole Lofoten.
Bisogna parcheggiare l'auto e proseguire a piedi per arrivare nel vero e proprio villaggio, passando attraverso un sentiero che porta anche sulla scogliera. Li' sembra di essere alla fine del mondo, invece si e' solo alla fine delle isole, anzi nell'ultima zona battuta dall'uomo!
Il Norwegian Fishing Village Museum, un museo dedicato allo stoccafisso, si trova in un Rorbu ed offre uno sguardo alla vita dei villaggi e alla pesca sulle Lofoten nel corso dei secoli.
Ci e' sembrato strano che il cartello che indica il museo fosse scritto in italiano, poi abbiamo scoperto perche': l'80% del merluzzo pescato nell'arcipelago delle isole Lofoten, considerato uno dei migliori di tutta la Norvegia, viene esportato proprio in Italia! 😄

Dove vedere l'Aurora Boreale alle isole Lofoten

E chiudiamo in bellezza con la domanda che tutti si pongono quando stanno per affrontare un viaggio nel nord della Norvegia: dove vedere l'Aurora Boreale?

Ci sono dei consigli che valgono ovunque, quindi anche alle isole Lofoten:

  • il cielo deve essere sereno: se e' nuvoloso, piove, c'e' nebbia o nevica, rinunciateci, statevene al calduccio e riprovate la sera dopo;
  • via dall'inquinamento luminoso: allontanatevi dai grossi centri illuminati e cercate un posto buio, meno luci artificiali ci saranno e migliore sara' la vista dell'Aurora;
  • consultate siti e app: alcuni siti come norway-lights.com possono aiutarvi a capire, in base al luogo in cui vi trovate, quando l'attivita' e' alta e quindi conviene uscire a caccia di aurore e quando invece e' bassa.

Detto cio', la risposta potrebbe essere: OVUNQUE!

A partire dall'Hammerstad Camping: il Vaterfjord e' un ottimo posto per fotografare l'Aurora Boreale. Certo, non puoi chiedere a tutti i residenti del campeggio di spegnere le luci, ma andando sul piccolo molo e puntando la macchina fotografica verso il fiordo, il buio e' assicurato! 😍

Basta guidare 3 minuti sulla E10 dal campeggio verso Svolvær e si arriva ai piedi del lago Husvågen: c'e' una piazzola di sosta per parcheggiare l'auto.
Di giorno gia' e' bellissimo grazie alla perfetta simmetria che crea la montagna con il suo riflesso, di sera poi e' buio pesto e l'Aurora si rispecchia nel lago creando il doppio della luce!

Mi sono divertita un mondo anche quando l'Aurora e' andata via: un cielo cosi' stellato con uno specchio d'acqua sotto e' difficile rivederlo dalle mie parti 😍

Anche ad Hamnøy sono stata fortunata, perche' la mia primissima Aurora Boreale si e' palesata proprio sul tetto della mia cabina dell'Eliassen Rorbuer!
Il punto migliore dove piazzarsi e' sugli scogli con la macchina fotografica rivolta verso il monte Olstind, ma poiche' quella sera l'attivita' era intensa io sono riuscita a fotografare anche lato strada, con tanto di lampioni e luci dei cottage accesi!

E questo e' tutto ragazzi, spero di avervi aiutato con tutte queste informazioni ed invogliato a partire per questo luogo magico!

Questi sono gli altri post che ho scritto su questo viaggio:

Come sempre, per qualunque domanda io sono qui, lasciatemi un commento in fondo al post!

Condividi! b a

Pro

  • L'Aurora Boreale
  • I paesaggi bellissimi
  • Le temperature miti

Contro

  • Costosa

Nota:
In giro con Fluppa partecipa a programmi di affiliazione. Ciò vuol dire che, se deciderai di prenotare un tour/alloggio del sito partner tramite il mio link, a me verrà riconosciuta una percentuale sulla vendita. In questo modo mi aiuterai a sostenere e mandare avanti il mio blog, senza alcuna spesa aggiuntiva per te.

In giro con Fluppa non si ritiene direttamente responsabile per eventuali acquisti eseguiti senza leggere le condizioni d’uso del provider di eventuali biglietti e/o prenotazioni online.

© Copyright 2020, Tutti i diritti riservati. Cookies + Privacy Policy

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza durante la visita del sito. Continuando a visitare il sito di fatto accetti il loro utilizzo

Ok Informazioni sui cookies